indice . . .

[Zero2] Azymuth. venerdì 20 ottobre. Santeria nuovo

Posted: Ottobre 18th, 2017 | Author: | Filed under: larsen | Tags: , , , , , , | No Comments »

Meglio una vita molto lunga oppure tante, più brevi? È la domanda con cui si presenta oggi questo storico trio. Escluse le religioni accanite di reincarnazione, la risposta non è data. Resta celata sotto i baffoni di Alex Malheiros, Ivan Conti e Fernado Moraes. Baffi che parlano, che abbracciano, che sanno di fumo di sigaretta, di caffè nero, e di mistero. Meglio una vita lunga oppure tante brevi? Meglio avere i baffi, rispondono gli Azymuth, che dal 1973 mischiano samba, jazz, bossa nova, funk, ragione e follia dalle strade di Rio de Janeiro ai jazz club scandinavi. Baffi che scaldano dal freddo e che detergono il sudore, che vibrano su bassi che si fanno beat e tastiere che diventano synth da immaginari fantascientifici falliti (annebbiati dal “dolore fisico” come la loro Jazz Carnival, che fu da sottofondo del Minoli di qualche breve vita fa), su una samba che loro stessi definiscono folle. Baffi che fanno da antenne, puntano la direzione da imboccare anche quando i nipoti consiglierebbero solo la briscola a Copacabana. E la direzione è di nuovo l’Europa, raggiunta a volo di fenice con un disco nuovo e una riscoperta che in Italia li porta all’anteprima di Jazz:re:Found. Anticipazione ideale di un’edizione che avrà nel revival il suo obiettivo principale, resuscitando fenici da diverse epoche: da Napoli Centrale a Roni Size, passando per Goldie e i Casino Royale. Vite vicine o lontane, talvolta forse anche brevi, ma con l’occasione di allungarsi, invecchiare, e finalmente farsi crescere dei bei baffi dietro ai quali scrutare il mondo.

Jazz:re:Found presenta: Azymuth. venerdì 20 ottobre. Santeria social club. tantissimi euri.



Leave a Reply

  •