indice . . .

[Zero2] SoloMacello ep.2: Wolves in the Throne Room. 01 luglio. Magnolia.

Posted: Giugno 22nd, 2018 | Author: | Filed under: larsen | Tags: , , , , , , , , , , , , | No Comments »

In questo inizio estate i festival a Milano e dintorni si succedono, tra appuntamenti invitanti e indigeribili. Districandosi tra buoni e bolliti, c’è però una punta di appetito che resta insoddisfatta, manca il metal. A colmare la lacuna, in un’epoca in cui i vari Monsters&co. del rock non sembrano aver più nulla da dire, ci pensa ancora SoloMacello, che della divulgazione sudata della musica del demonio ne ha fatto una missione ormai da dieci anni. Una lunga marcia per gridare – in growl, ovviamente – che l’estate è la stagione ideale per il metal. Le due serate di SoloMacello 2018 stanno lì a dimostrarlo: la prima con l’aria condizionata, la seconda a scrutare le stelle sotto la volta di una grande ascella fetente, come fossimo a un raduno hippie. E non a caso, perché l’obiettivo secondario della giunta del Sindaco del Metal in questo 2018 è rispondere a una domanda che attanaglia da sempre l’umanità: esistono fricchettoni metallari? La risposta è sì. Si chiamano Wolves in the Throne Room, vengono da un Pacific Northwest che sa di Norvegia, e sono qui (insieme a Hierophant, Cambrian e La Morte Viene Dallo Spazio) a declamare le bellezze della natura, la frescura della pioggia e le meraviglie degli oceani senza dover ricorrere alla banalità dall’amore, ma portando ciò che fino ad oggi ci mancava, una rafficata di violenza. Peace and mazzate.

 

SoloMacello ep.2 – Wolves in the Throne Room, Hierophant, Cambrian e La Morte Viene Dallo Spazio. Domenica 01 luglio. Arci magnolia (segrate). 20 bananas.


[Zero2] Corsano/Pupillo, Pilia. 20 maggio. O’.

Posted: Maggio 18th, 2015 | Author: | Filed under: larsen | Tags: , , , , , , , , , | No Comments »

Esiste un luogo comune nel mondo del rock secondo cui la potenza di un batterista si inizia a giudicare dalla sua massa corporea, che spalle larghe e bicipiti possenti siano il biglietto da visita perfetto per chi deve sedersi dietro alle pelli e menare. Chris Corsano è l’ennesima smentita di questa teoria: a vederlo sembrerebbe un ragazzino delle superiori, gracile e incapace di scacciare una mosca. Poi prende posto sul suo sgabellino e ribalta tutto. E non è solo questione di potenza, ma di una trasversalità sonora che lo ha portato a suonare con nomi di ogni genere e latitudine. Questa volta ad affiancarlo c’è Massimo Pupillo, che dopo aver riavviato gli Zu sta ripartendo anche con mille altri progetti. Apre la serata la chitarra tagliente di Stefano Pilia, un altro che a guardarlo non pare certo un energumeno, ma poi…

Chris Corsano / Massimo Pupillo, Stefano Pilia. mercoledì 20 maggio. O’. 5 euri (credo).