indice . . .

[4/4] tiro alla merla

Posted: gennaio 30th, 2012 | Author: | Filed under: confindustrial, larsen | Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | No Comments »

Quelli che gli anziani chiamano i “giorni della merla” a Milano si dimostrano giorni di musiche coraggiose, diverse ed avanguardiste, una boccata d’aria fresca nel grigio di questa città. Si inizia lunedì 30 con una doppia proposta gustosa: allo studio The Lift c’è Felicity Mangan con il suo carico di amplificatori autocostruiti recuperando materiali di scarto, un progetto quasi agli antipodi rispetto all’Acusmonium Sator che si inaugura al Centro San Fedele. Un monumento alla musica acusmatica che snoderà le sue esibizioni lungo il prossimo semestre: si inizia con il “De natura sonorum” di Bernard Parmégiani, precedeuto da esecuzioni di brani di Aphex Twin e Autechre. Uno spettacolo per nerd e feticisti, dunque imperdibile.

Martedì 31 tocca al free-jazz sperimentale, nella sua versione più melodica e sculettante del trio Trophies, di scena a Melzo alla Biblioteca di Palazzo Trivulzio. Ad altre latitudine della sperimentazione elettroacustica si colloca il lavoro di Alberto Boccardi, che presenta il suo esordio solista a O’ mercoledì sera, così chiude questa carrellata di “suoni difficili” e lascia strada al metallo…

Violenza, metallo e satanismo sono infatti gli emblemi del secondo appuntamento di DaunTRoK!, che giovedì 2 febbraio scalderà il Leoncavallo ospitando la one-man-grind-band Bologna Violenta (un altro con un nuovo disco da presentare) e gli eroi dello sludge-metal del nord-ovest Psychofagist. Una carica di energia utile a sopravvivere al weekend che arriva, perchè venerdì 3 si passa dal math-noise-jazz francese di Les Yeux de la Tete al Blob di Arcore e sabato 4 ci si barcamena all’insegna dell’abbondanza per una serata in cui bisognerà essere scaltri e decisi.
Procediamo con ordine: alle 19 apre il portone dello Spazio Concept dove Otolab, la miglior crew di arte digitale a Milano, presenta le sue installazioni e le fa seguire da un crescendo di live performances (LepLoop, Bleeding, Circo Ipnotico, Megatsunami, Mud + Tonylight). Nel frattanto, alle 21, O’ ospita James Ferraro, nome da regista porno dietro cui si cela un maestro del cut-up sonoro. La seconda serata è sui Navigli, che si tingeranno d’Africa nera per il concerto dei Mombu al Cox18, probabilmente una delle migliori live band in circolazione nel bel paese attualmente con il loro iper-energico assalto di batteria e sax. E per concludere cotanta maratona non c’è niente di meglio che un’orgia di industrial, power-noise e IDM come quella che si terrà nella notte al Boccaccio (Monza), guidata dai polacchi C.H.District e Wieloryb, cui si aggiungono diversi ospiti locali inclusa la Sinfonietta del sottoscritto, tanto per autopromuoversi un po’.
Dopo tutto ciò sarà dura avere ancora le forze per la levataccia di domenica causa “Aperitivo in concerto”, ma sarebbe da provarci perchè al Manzoni arriva il leggendario contrabbassista William Parker. Ci si sveglia presto ma dopo ci si chiude al caldo in casa.



Leave a Reply

  •