indice . . .

[4/4] la primavera che fa bene al cuore

Posted: 7 Maggio, 2011 | Author: | Filed under: larsen | Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | No Comments »

La primavera musicale milanese ha molto da invidiare ad altre più famose… ma di certo non si può dire che sia sbocciata male. L’inizio di maggio ci ha portato la settimana di iniziative sparse di MI Land, che si chiude nel weekend con tre appuntamenti da sottolineare, poi da lunedì ci si riposa un attimo, ma è un intermezzo per rilassare le membra, che altro di buono è all’orizzonte.

Nel frattempo, il weekend infuocato si apre con un venerdì a tre facce: MI Land fà il tentativo più ardito, mescolando nella stessa serata tre live decisamente vari (The Great Saunites, ?alos e Miavagadilania) con tre performance teatrali/danzanti proposte dalla crew di “Le città sottili”. Roba da Berlino di qualche anno fa, ora invece si fa a Segrate, al Baraonda. In prima serata, allo spazio O’, i terroristi sonori di Hundebiss rilanciano la sfida con il live di Francesco Cavaliere, omonimo di un grande Pittore che fu… mentre il vero incendio sonoro avverrà sul palco del Lo-Fi, a Rogoredo. E’ la sera infatti in cui tornano da queste parti i Fleshtones, una di quelle band che, a inizio ’80, impararono la lezione del punk ed assaltarono il mondo con un garage rock di energia pura. Pare che abbiano conservato buona parte di quella carica, oltretutto.

Sabato 7 è la giornata piena di MI Land, al Leoncavallo, quando si susseguiranno NoGuRu, Mariposa, Damo Suzuki, Otolab, Edda, Lombroso, Der Mauer, Strotter e Assassins… Roba da maratona olimpionica, e pure il Baraonda non scherza, raddoppiando gli appuntamenti con il Kubla khan Festival: ci saranno Goran D.Sanchez, Torquemada, Hezel, My Silver Booster, Emotional Geometry e altri ancora. Se non avete il fisico da maratoneti mettetevi il cuore in pace, o ripiegate sui Wolfango al Medionauta o sulla “Musica in forma libera” della Scighera, con il quartetto Mure Mure.

L’orgia rumorosa del weekend si chiude domenica 8 con un suo nume tutelare: MI Land finisce appoggiandosi a TRoK! e portando il suo ospite d’onore, quel Peter Brötzmann che è, ad oggi, uno dei grandi maestri del free jazz europeo. Sulle scene da più di 40 anni, e non certo stanco, il sassofonista tedesco da queste parti è una rarità assoluta. Non sentirlo potrebbe significare pentirsi per anni.

Volendo prolungare l’intensità, lunedì 9 continua la stagione di FreeGo! nella dauntaun del Leoncavallo… e siamo sempre dalle parti del garage-rock con Hell Shovel (from Canada) e Tideland (from USA).

Poi basta. Riposo. Si ripartirà giovedì 12, quando si introdurrà un nuovo fine settimana con i metallari Keelhaul e Bruce Lamont al Magnolia o alla Scighera con MorinoMigrante, progetto solista dell’ex cantante dei Mau Mau.



Leave a Reply

  •