indice . . .

[bikeit] Quaderni Fiorentini. Numero 3 (e poi basta)

Posted: Ottobre 2nd, 2013 | Author: | Filed under: cadevo, pedallica | Tags: , , , , , , , , , , , , , , , | 1 Comment »

rainbowUna corsa di ciclismo passionale come un mondiale è qualcosa capace di stravolgere una città, trasformando le strade di tutti i giorni in un grande parco giochi urbano. La città muta, cambia pelle e ti accoglie, specie quando la gara non è in corso. Perchè finchè si corre, la città si fa divano, è il trionfo della chiacchiera e della birra, degli abbracci e della festa. Ma quando la gara finisce, tutto cambia… Read the rest of this entry »


[bikeit] Quaderni Fiorentini. Numero 1

Posted: Ottobre 2nd, 2013 | Author: | Filed under: pedallica | Tags: , , , , , , , , , , , , , , | No Comments »

machiavelli

E’ un’uggiosa giornata fiorentina quella in cui torna a splendere il sole sul ciclismo mondiale. Ieri a Firenze faceva caldo, un caldo umido e grigio sotto cui la città s’adagiava come ogni giorno… senza sapere che mentre Firenze stava la’ fuori, il mondo delle due ruote stava dentro a Palazzo Vecchio, dove andava in scena l’elezione per il nuovo governo ciclistico mondiale, la presidenza dell’UCI. E non poteva esser scelto luogo più esplicito del palazzo di Machiavelli per una votazione torbida e confusa, in cui 6 ore di congresso non sono bastate nemmeno epr dirimere il dubbio se il presidente uscente, l’orribile McQuaid, fosse eleggibile o meno. E così si è parlato di tribunali svizzeri e di diritto thailandese, il tutto a spese dell’UCI per le ricche parcelle degli avvocati, si è discusso e si è trattato… arrivando all’apice di una mattinata dadaista in cui si è addirittura votato per decidere se votare o meno. Read the rest of this entry »


[bikeit] Quaderni Fiorentini. Numero 0

Posted: Settembre 25th, 2013 | Author: | Filed under: pedallica | Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , | No Comments »

paillottt

Domani parto per Firenze. La settimana iridata ha un fascino inarrivabile, ma si concilia poco con la presenza -quantomeno passiva- sul posto di lavoro… quindi anche per quest’anno bisogna ripiegare soltanto sulle ultime giornate. Niente di drammatico, restano le giornate più intense… più problematico resta invece il ripiegare su modalità di viaggio fantasiose, stante che in Italia portare una bici in treno resta un tabù, quasi un’oscenità per le nuove linee ferroviarie. Read the rest of this entry »