indice . . .

Belle musiche del duemiladiciannove – pt.2

Posted: Febbraio 18th, 2020 | Author: | Filed under: larsen | Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | No Comments »

Siamo molto fortunati, anche nell’anno 2019 sono usciti un’infinità di dischi magnifici. Forse non belli come quelli dei Kinks, ma forse anche sì. Siamo pure un po’ sfortunati, perché in quest’epoca di dischi belli se ne pubblicano talmente tanti che inevitabilmente ne sentiamo solo una minuscola parte.

Di tutti i dischi che mi sono appuntato dell’anno che fu, questi sono quelli sottolineati. In rigoroso ordine alfabetico.

(PS: Quasi tutti i titoli rimandano a un link dove ascoltare e acquistare il disco. Quelli che mancano cercateveli su SoulSeek. Ogni tanto spendiamoli i pochi danari che ci rimangono, in dischi e in droga).

* 75 dollar bill – I was real
* [أحمد] [Ahmed] – Super Majnoon [East Meets West]
* Sabah Alizadeh – Scattered memories
* Angel Bat Dawid – The oracle
* Jamie Branch – Fly or Die II: Bird dogs of paradise
* Bill Callahan – Shepherd in sheepskin vest
* Black midi – Schlagenheim
* Contagious – s/t
* Richard Dawson – 2020
* Graham Dunning & Edward Lucas – End of a cable
* Exhumed – Horror
* The Flying Luttenbachers – Shattered Dimension
* Chris Forsyth – All Time Present
* Binker Golding – Abstractions of Reality Past and Incredible Feathers
* Taylor Ho Bynum 9tette – The Ambiguity Manifesto
* Amirtha Kidambi & Elder Ones – From untruth
* Kuzu – Lift to drag
* Lankum – The Livelong Day
* Lingua Ignota – Caligula
* Liturgy – H.A.Q.Q.
* Lord Mantis – Universal death church
* Jay Mitta – Tatizo Pesa
* North Sea Radio Orchestra / John Greaves / Annie Barbazza – Folly Bololey
* Oiseaux-Tempête – From somewhere invisible
* Jessica Pavone String Ensemble – Brick and Mortar
* People Like Us – The Mirror
* Pleiadees – Galaxy
* Massimo Pupillo & Tony Buck – Time being
* David Rothenberg – Nightingales in Berlin
* Jon Rose & Alvin Curran – Café Grand Abyss
* Širom – A Universe that Roasts Blossoms for a Horse
* Carl Stone – Baroo
* Surplus 1980 Collectiv Ensembl with G.W. Sok – Forget all this
* Upperground Orchestra – Euganea
* Derya Yildirim & Grup Simsek – Kar Yagar
* Michael Zerang – Assyrian caesarean
* Zonal – Wrecked
* (compilation) Jambú e Os Míticos Sons Da Amazônia

(PPS: Qui i miei concerti preferiti dell’anno trascorso).

 

[2018]   [2017]


[Zero2] Pleiadees, Sabbia. venerdì 10 gennaio. Cox18.

Posted: Gennaio 6th, 2020 | Author: | Filed under: larsen | Tags: , , , , , , , , , | No Comments »

L’ammasso stellare delle Pleiadi ha diverse caratteristiche che lo rendono unico. La più importante è la visibilità: a causa della loro piccola distanza da noi (440 anni luce) le Pleiadi si scorgono con facilità e appaiono come stelle molto brillanti e di grandi dimensioni. Un particolare che le ha rese note sin dalla preistoria: osservate e studiate da popoli, tribù, civiltà a ogni latitudine. Per secoli le Pleiadi hanno ispirato poeti, generato miti, guidato marinai.

Ma questo ammasso di stelle di peculiarità ne ha altre. Ogni stella è circondata da una leggera nebulosa a riflessione, per quanto non sia visibile a occhio nudo. E il loro angolo ridotto rispetto all’eclittica fa sì che i corpi dell’ammasso celeste siano spesso nascosti dalla Luna o da altri pianeti in transito. Quando Cristiano Calcagnile, Xabier Iriondo e Massimo Pupillo hanno scelto Pleiadees come nome per la loro nuova creatura hanno pensato a un’immagine che racchiudesse «Una musica in grado di innalzare lo spirito e condurlo alla presenza del divino. Luminosa e sincretica, una costellazione di eventi e antiche conoscenze».

Eppure il risultato è qualcosa di ancora più indefinibile: è una musica in cui queste tre stelle ben note del nostro orizzonte musicale svaniscono in maniera nebulosa, in cui di volta in volta gli interventi di ciascuno si elidono a vicenda, comunicando tanto con la brillantezza quanto con le ombre, proiettando la luce e il buio su di sé e su chi ascolta. Quello di Pleiadees è il suono di una continua eclissi. Siamo fortunati a poterlo ascoltare a orecchio nudo, senza bisogno di telescopi.

 

Pleiadees, Sabbia. venerdì 10 gennaio 2020, csoa cox18. Pochi euri e ben spesi.