indice . . .

Belle musiche del duemiladiciannove – pt.2

Posted: Febbraio 18th, 2020 | Author: | Filed under: larsen | Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | No Comments »

Siamo molto fortunati, anche nell’anno 2019 sono usciti un’infinità di dischi magnifici. Forse non belli come quelli dei Kinks, ma forse anche sì. Siamo pure un po’ sfortunati, perché in quest’epoca di dischi belli se ne pubblicano talmente tanti che inevitabilmente ne sentiamo solo una minuscola parte.

Di tutti i dischi che mi sono appuntato dell’anno che fu, questi sono quelli sottolineati. In rigoroso ordine alfabetico.

(PS: Quasi tutti i titoli rimandano a un link dove ascoltare e acquistare il disco. Quelli che mancano cercateveli su SoulSeek. Ogni tanto spendiamoli i pochi danari che ci rimangono, in dischi e in droga).

* 75 dollar bill – I was real
* [أحمد] [Ahmed] – Super Majnoon [East Meets West]
* Sabah Alizadeh – Scattered memories
* Angel Bat Dawid – The oracle
* Jamie Branch – Fly or Die II: Bird dogs of paradise
* Bill Callahan – Shepherd in sheepskin vest
* Black midi – Schlagenheim
* Contagious – s/t
* Richard Dawson – 2020
* Graham Dunning & Edward Lucas – End of a cable
* Exhumed – Horror
* The Flying Luttenbachers – Shattered Dimension
* Chris Forsyth – All Time Present
* Binker Golding – Abstractions of Reality Past and Incredible Feathers
* Taylor Ho Bynum 9tette – The Ambiguity Manifesto
* Amirtha Kidambi & Elder Ones – From untruth
* Kuzu – Lift to drag
* Lankum – The Livelong Day
* Lingua Ignota – Caligula
* Liturgy – H.A.Q.Q.
* Lord Mantis – Universal death church
* Jay Mitta – Tatizo Pesa
* North Sea Radio Orchestra / John Greaves / Annie Barbazza – Folly Bololey
* Oiseaux-Tempête – From somewhere invisible
* Jessica Pavone String Ensemble – Brick and Mortar
* People Like Us – The Mirror
* Pleiadees – Galaxy
* Massimo Pupillo & Tony Buck – Time being
* David Rothenberg – Nightingales in Berlin
* Jon Rose & Alvin Curran – Café Grand Abyss
* Širom – A Universe that Roasts Blossoms for a Horse
* Carl Stone – Baroo
* Surplus 1980 Collectiv Ensembl with G.W. Sok – Forget all this
* Upperground Orchestra – Euganea
* Derya Yildirim & Grup Simsek – Kar Yagar
* Michael Zerang – Assyrian caesarean
* Zonal – Wrecked
* (compilation) Jambú e Os Míticos Sons Da Amazônia

(PPS: Qui i miei concerti preferiti dell’anno trascorso).

 

[2018]   [2017]


Belle musiche del duemiladiciannove – pt.1

Posted: Gennaio 15th, 2020 | Author: | Filed under: larsen | Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | No Comments »

 

Nel 2019 ho visto meno concerti del solito, non mi capitava da 3 anni di andarci così piano, ma andare piano fa bene alla salute, e anche vedere dei concerti bellissimi. Questi qui sotto sono i 21 che più mi hanno fatto sciogliere i timpani. Se sbalio mi corigerete.

(L’ordine è rigorosamente cronologico. La distribuzione geografica figlia dei tempi. Non ci sono link ai video perché quest’anno i video no).

* Daniel Blumberg Trio | teatro CRT (Milano)
* Stine Janvin | the Long Now (Berlino)
* Mazen Kerbaj “Walls Will Fall – the 49 trumpts of Jericho” (30 trumpets directed by Axel Dörner) | the Long Now (Berlino)
* Peter Brötzmann / Maâlem Moukhtar Gania / Hamid Drake | angelica – teatro san leonardo (Bologna)
* Renick Bell | Terraforma (Castellazzo di Bollate)
* Anguish | a l’arme festival (Berlino)
* Practical Music (Oscar Jan Hoogland, Jasper Stadhouders, Christian Lillinger) | a l’arme festival (Berlino)
* Irreversible Entanglements | a l’arme festival (Berlino)
* Golden Oriole | a l’arme festival (Berlino)
* Pious Faults | macao (Milano)
* Aki Onda | macao (Milano)
* Les Percussions de Strasbourg | hangar bicocca (Milano)
* Key of Shame | macao (Milano)
* The Necks | st john on bethnal green (Londra)
* Thomas Ankersmit | standards (Milano)
* Michael Chapman | ligera (Milano)
* Nubya Garcia quartet | jazzmi (Milano)
* Alvin Curran | ex-chiesa s.carpoforo (Milano)
* Francisco Meirino | standards (Milano)
* The Flying Luttenbachers | freakout (Bologna)
* Enrico Malatesta “Occam Ocean – Occam XXVI” | chiesa s.maria del buon consiglio (Milano)

poi mi sono messo a rileggere l’elenco tutti i concerti che ho visto nel decennio (tira un sacco sta cosa del decennio), immaginando di trarne una salvifica selezione, e mi sono addormentato al 2014… madonna che bello addormentarsi.

(PS: Qui i miei dischi preferiti dell’anno trascorso).

[2018]   [2017]