indice . . .

[Zero2] Scapes: Francisco López. 14 marzo. villa necchi campiglio.

Posted: Febbraio 20th, 2019 | Author: | Filed under: larsen | Tags: , , , , , , , , , , , , , , , | No Comments »

Fino a una decina d’anni fa, di Villa Necchi Campiglio ignoravo persino l’esistenza, la scoprii per caso con una festa di matrimonio. Ero ubriaco, molto, ma rimasi stupefatto. Non tanto dall’estensione e dalla bellezza del luogo, non dallo spropositato numero di steward vestiti di nero che sbucavano da ogni stanza (facendo pensare che abbia più dipendenti del CNEL), nemmeno dalla collezione di quadri e decorazioni sparse ovunque. Lo stupore nasceva dall’essere lì, nel pieno centro di Milano, in un luogo che da fuori sembrerebbe come tutto il resto della città: un parcheggio.

Ci ho messo alcuni anni a capire questa cosa: a Milano i luoghi belli esistono, ma sono nascosti. Stanno chiusi dietro muri che solo bombolette e buona volontà hanno saputo colorare, incuneati tra auto parcheggiate in tripla fila e cartelloni pubblicitari formato XXXL. Solo per questo, bisognerebbe fare una standing ovation a Plunge (e al FAI), che apre questa Villa alla musica e a chi ascolta. Per una volta non è un’azienda di computer hypster o una caffetteria americana a impadronirsi di uno spazio importante di Milano, ma è una cascata di droni industriali, l’abisso sonoro di Francisco López che farà tremare vetri, quadri e soprammobili. Un primo appuntamento di “Scapes” – ciclo di lecture, workshop e performance interamente dedicato alla pratica sonora del field recording – che si aprirà con un’intervista all’artista spagnolo a cura di Gaetano Scippa e, prima del live, consentirà al pubblico di visitare la villa.

Un “evento” talmente bello, che il bello della villa nemmeno servirà più: al concerto si assisterà bendati, immersi nella quadrifonia. E si uscirà stupefatti, consapevoli di aver toccato con mano qualcosa di impercettibile. Speriamo che duri. Meglio non dirlo troppo in giro.

 

Scapes: Francisco López. giovedì 14 marzo. villa necchi campiglio, 15 banane.


[Zero2] Philip Jeck + Ozmotic. 14 gennaio. san fedele.

Posted: Gennaio 8th, 2019 | Author: | Filed under: larsen | Tags: , , , , , , , , , , , , , , | No Comments »

L’ultimo avvistamento di un oggetto volante di origine extraterrestre nei cieli padani risale soltanto allo scorso 8 dicembre. Durante una scampagnata privata in un parco di Cinisello Balsamo un gruppo di appassionati ufologi ha immortalato una strana macchia luminosa in alta quota. Purtroppo, ci tengono a specificare gli astroesploratori, il filmato dura solo “alcuni secondi causa velocità sostenuta”. Confidando nella loro certa presenza tra le schiere dei lettori di Zero, mi sentirei di invitarli a un nuovo avvistamento, questa volta nei cieli del San Fedele.

L’oggetto volante sarà ugualmente non identificato, di probabile origine aliena, impossibile da descriversi secondo i rigidi parametri della scienza mainstream. L’unica certezza, se così la vogliamo definire, riguarderà il suo pilota: Philip Jeck, di passaggio su questo pianeta sin dal 1952. Anche Jeck, come gli ufologi, è partito dalla passione per dei magici oggetti rotanti, nel suo caso di natura vinilica, e ha cominciato a descriverne le traiettorie, seguirne il passaggio nei cieli e nelle orecchie, infine tentare di riprodurlo.

Come tutti gli scienziati che hanno ormai raggiunto una certa età, Jeck ha finito per appassionarsi alle tecnologie di un tempo, quelle con cui ha compiuto le sue prime scoperte e che ha imparato a conoscere sin nel dettaglio: perché abbandonarle proprio ora, quando gli oggetti rotanti extraterrestri arrivano fino a Cinisello Balsamo, d’altronde?

 

Inner Spaces: Philip Jeck, Ozmotic. lunedì 14 gennaio. auditorium san fedele. 10/12 eurini.


[Zero2] Francesco Zago + Pierre Bastien. 12 novembre. san fedele.

Posted: Ottobre 23rd, 2018 | Author: | Filed under: larsen | Tags: , , , , , , , , , , , | No Comments »

Sono più di sei anni che l’acusmonium del San Fedele accompagna le nostre serate più profonde, estendendo nello spazio la vibrazione delle palpebre che si abbassano, del cervello che rallenta la sua attività, abbandonandosi all’ambiente sonoro. Un’esplorazione più o meno conscia degli spazi interiori, come rimarcato opportunamente dal nome della rassegna più longeva, Inner_Spaces. Spazi già noti che continuano a presentare nuove sfaccettature, minute tasche di conoscenza in cui infilare curiosi la manina mentre ci si avventura lungo un tragitto abitudinario. Per questo al San Fedele contano tanto le abitudini: sedersi nelle stesse file, spesso dire le stesse cazzate. E ascoltare gli stessi artisti, la cui investigazione spalanca di concerto in concerto universi differenti. Per Francesco Zago suonare qui è una piccola abitudine, è una presenza che si ripete ma un’entità ogni volta differente. La sua chitarra ha divagato intorno ad Arvo Pärt e Steve Reich, stavolta è pronta a infilarsi tra Johann Sebastian Bach e György Kurtág. E poi a lasciare spazio al teatrino meccanico di Pierre Bastien, i cui ingranaggi concreti approdano per la prima volta al San Fedele, ma è come se fossero sempre stati qui. Ci scopriremo a vicenda, chiuderemo gli occhi e riparteremo nel nostro viaggio interiore, per scoprire che questi automi sonori non sono poi diversi da noi, forse sono soltanto un po’ più umani.

 

Inner Spaces: Francesco Zago + Pierre Bastien. lunedì 12 novembre. san fedele. 10/12 euri.


[Zero2] Robert Piotrowicz + Richard Barbieri. 22 ottobre. san fedele.

Posted: Ottobre 19th, 2018 | Author: | Filed under: larsen | Tags: , , , , , , , , , , | No Comments »

Se mai dovessi raggiungere l’età pensionabile (la cosa è molto improbabile, di questi tempi la morte per inedia in mezza età è la più quotata dai bookmaker) vorrei arrivarci come Richard Barbieri. Approdare a una vecchiaia dalla creatività stanca ma non estinta, trascinandomi sulle spalle un fardello di esperienze in grado di schiacciare al suolo intere generazioni successive. Vorrei aver esplorato un ventaglio di esperienze così diverse da essere cacciato per impurità da ogni salotto, come uno che ha suonato dal glam-rock all’ambient, passando per il prog, il dark, il metal, la psichedelia, i Japan e i Porcupine Tree, l’elettroacustica e l’IDM. Vorrei aver assecondato la progressiva perdita dell’udito (su quella sì, sono già a buon punto) imparando a selezionare le frequenze utili, quelle da ricordare con persistenza, e poco importa che le altre siano svanite nell’impercettibile. Vorrei avere ancora le forze per girare da solo in ciò che ancora attizza la fantasia, dagli acusmonium dei preti ai festival come Musica Genera, il festival sperimentale polacco nato sull’onda dell’omonima etichetta di Robert Piotrowicz, l’improvvisatore elettroacustico che Plunge ha deciso di affiancargli questa sera. Invece no, non ci arriverò all’età pensionabile e se anche dovessi farcela non avrò comunque una pensione. Però è bello pensare che Richard Barbieri ce l’abbia fatta, e un po’ invidiarlo, ma soprattutto ascoltarlo.

Inner Spaces: Robert Piotrowicz + Richard Barbieri. lunedì 22 ottobre. auditorium san fedele. una dozzina d’euri.


[Zero2] Inner Spaces 2017. Dal 2 ottobre. San fedele.

Posted: Settembre 30th, 2017 | Author: | Filed under: larsen | Tags: , , , , , , , | No Comments »

Facciamo che il discorso sui concerti dai frati lo diamo per concluso. È vero, fa strano a tanti, per alcuni è ancora una condizione intollerabile, ma poi ci pensi e vedi che al San Fedele l’indottrinamento non esiste, che la proposta culturale è sei piani più in alto di tante realtà eticamente più solide… Che la musica i preti ce l’hanno rifilata da prima che nascessimo… Che per una generazione di milanesi l’unico modo per vedere Stockhausen è stato andare in Duomo, seppur imboscandosi bottiglie di birra da 66 cl da consumare nascosti dalle panche, dove un tempo si celavano gli amplessi delle cortigiane. Facciamo anche che il discorso su un certo decadimento culturale di Milano lo mettiamo un secondo da parte. È vero, talvolta pare irreversibile, ma poi ti accorgi che non esistono solo nicchie resistenziali (quelle sì, in odor di santità, sia chiaro), ma anche progetti solidi e smaccatamente “istituzionali” come San Fedele Musica. E istituzione più solida, millenaria, invasiva di Madre Chiesa non esiste, nel nostro ducato medievale. Facciamo che lasciamo fuori tutto, scendiamo quei gradini disorientanti, ci incastriamo – non senza fatica – nella poltroncina scelta. E ascoltiamo. Si spengono le luci, tacciono le voci, e nel buio senti sussurrar una sorgente dopo l’altra, la magia infantile dell’Acusmonium Sator. In quel momento non esistono né Milano né il Vaticano, c’è soltanto un paesaggio che si stempera e si fa onirico. In quel momento ci si addormenta, e si comincia, perché il bello di Inner_Spaces è proprio questo: il lunedì si va a “dormire” al San Fedele. E si sta da soli, anche se il teatro è pieno. L’unica compagnia è nelle orecchie, e quest’anno fa ancora più sul serio che mai – anche grazie alla curatela dei ragazzi di Plunge, che hanno seguito dall’inizio alla fine la programmazione di questa edizione della rassegna. C’è l’ambient di Thomas Köner (con cui si apre stasera la rassegna) e di Loscil (30 ottobre), il minimalismo di Marsen Jules (5 febbraio), l’industrial decompresso di Roly Porter (per la chiusura, il 7 maggio) e dell’ex Pan Sonic Ilpo Väisänen (9 aprile), l’elettroacustica di Giuseppe Ielasi (20 novembre) e la musica concreta di Anna Zaradny (30 ottobre, con Loscil), l’elettronica globale del duo Murcof / Philippe Petit (15 gennaio) e l’ingegneria acusmatica di Stephan Mathieu (5 febbraio, con Jules), l’ambient cosmico del neozelandese FIS (19 marzo) e i droni glaciali di HELM (11 dicembre). E sono solo una parte dei nomi. Facciamo che da questo sogno non ci svegliamo, almeno fino a maggio.

Plunge presenta: Thomas Köner + Novi_Sad. Apertura Inner Spaces 2017. lunedì 02 ottobre. San fedele. dieci euri, credo.


Live & Loud (133)

Posted: Aprile 19th, 2016 | Author: | Filed under: larsen | Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | No Comments »

centazzo_andrea_1Uff, sì, pare se ne siano andati, sono tornati tutti all’Ikea, ma presto torneranno a invadere la città. Queste sono le settimane in cui rilassarsi, poi torneranno i giorni in cui affilare i coltelli. Approfittiamone.

Davide Tidoni: “The sound of normalization”. Martedì 19 alle 19:30 da Standards.
Davide Tidoni è un musicista elettroacustico e un ultrà, e una cosa equivale all’altra. Da oltre dieci anni raccoglie le voci e i canti della curva del Brescia, surfando su un’onda di voci passionali che controllo e repressione cercano di mettere a tacere. E anche qui, non è detto che si parli di ultrà.
Read the rest of this entry »


Live & Loud (132)

Posted: Aprile 7th, 2016 | Author: | Filed under: larsen | Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | No Comments »

mobili

Vi mancavano i mobilieri? Eccoli, sono tornati. Da questa sera Milano sarà invasa da personaggi poco rispettabili che guardano solo lampade e sedie e trangugiano annacquati free drinks. È una tragedia che si ripete, anno dopo anno, e pare sempre più fagocitare la città delle spugnette. Che dire, scappate.

Club2Club Milano. Da giovedì 7 a sabato 9 in luoghi vari.
Tre days con tutti i names che fanno più hype per la youth più trendy che c’è in the city (aka i giovani con i blue jeans). La list dei guest è long, quindi andatevela a cercare sul loro website. Seek and destroy.

Read the rest of this entry »


Live & Loud (130)

Posted: Febbraio 18th, 2016 | Author: | Filed under: larsen | Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | No Comments »

enrico-malatestaFate un bel respirone e concentratevi, che tutto d’un tratto la città-parcheggio (aka la città-Expo) sembra essersi risvegliata dal suo torpore. Ecco una sintesi estrema della rafficata di concerti che resistono fino alla fine del mese. E’ tanta roba, o quasi.

Tomomi Adachi, Attila Faravelli. Giovedì 18 febbraio alle 8 di sera da O’.
Tomomi è un giapponese svitato che copre la propria epidermide di sensori e li suona nel piccolo della sua stanzetta o nel medio di questa serata. Con lui c’è Attila, uno che se gli dici che ci sono dei tarli che si abbuffano di legno in aperta campagna ci si precipita con tutti suoi registratori.
Read the rest of this entry »


Live & Loud (129)

Posted: Febbraio 8th, 2016 | Author: | Filed under: larsen | Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | No Comments »

Jerusalem in my heartBuongiorno, questa rubrica procede priva di periodicità e di scadenze, arriva a inizio settimana perchè la settimana inizia col botto, e prosegue con un concerto al giorno per i prossimi nove giorni. Il totale fa otto perchè la matematica è un’opinione.

Giancarlo Toniutti, Massimo Toniutti. Lunedì 8 alle 20 da O’.
Siamo dalle parti della storia dell’industrial italiano, dalle parti per dire proprio lì, in Siberia. Prima il concerto di Giancarlo incentrato sull’opera ‘run’ngynutakinawwi (l’altro lato della tundra)‘, poi l’ascolto in anteprima del nuovo brano di Massimo, ‘pt1. Scraps upon tempered Fields’.
Read the rest of this entry »


Live & Loud (126)

Posted: Gennaio 13th, 2016 | Author: | Filed under: larsen | Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | No Comments »

Watchman-1024x580Nuove e vecchie rassegne si affacciano sulle prime settimane di un nuovo anno in cui l’umanità sarà indubbiamente più povera. Questa settimana ricominciano quelle che da tempo conosciamo e all’orizzonte altre se ne annunciano. Un buon inizio, tardivo ma buono.

SaffronKeira, Av-k. Mercoledì 13 al Ligera.
I ragazzi di Plunge tornano tra i mattoni del Ligera con un nuovo appuntamento in bilico tra melodia e aritmia. Dall’ambient spettrale del sardo SaffronKeira al frullatore partenopeo di Av-k. Read the rest of this entry »